Teufelsberg

Nel mezzo della Berlino Ovest, al centro della foresta di Grunewald, sorge una vecchia e ormai abbandonata stazione radio in uso durante il periodo della Berlino divisa. Veniva usata dal versante alleato, per poter spiare ed origliare al di là del muro l’altra fazione nemica, i russi. Oggi resta solo la “carcassa” di uno stabile ormai in malora e in completo abbandono, casa di molti artisti di strada, ma anche di molti senza tetto.

Effettivamente il nome riesce ad incutere molte perplessità. In Italiano è tradotto come la montagna del Diavolo, ma in realtà questo posto offre qualcosa di tutt’altro che demoniaco. La strada per arrivare non è delle più difficili, anzi, se si dispone di una bicicletta, partendo dalla stazione Sbahn di Grunewald, nel giro di 20 minuti il gioco è fatto, a piedi invece, è richiesto qualcosina di più. Avrete però il vantaggio di poter tagliare per i piccoli sentieri che la collina offre, in modo da risparmiare qualche minuto. Attenzione! E’ facile perdersi, ma con un minimo di senso di orientamento non dovreste trovare grandi difficoltà.

Una volta arrivati all’entrata, rimarrete sicuramente perplessi. Non tanto per la bellezza del posto, anche perché oggettivamente parlando fa schifo, ma perché l’ingresso è a pagamento. Sette euro, non saranno un capitale, ma sono sempre sette euro per vedere delle rovine. Calma e proseguiamo. Una vota cominciato il tour, si passa come prima sosta al cortile principale dello stabile. Una specie di deposito per materiali ferrosi non più utilizzabili, scritte e murales in ogni dove e qualche bottiglia di birra qua e là, poco importa, basta alzare lo sguardo e vedere la grossa torre che domina tutta l’area per poter capire di non aver buttato via i propri soldi…forse.

La camminata prosegue andando dietro allo stabile, niente di emozionante, solite cose, rifiuti e vuoti di bottiglia. Si imbocca una rampa di scale che porta al primo piano. Non è rimasto nulla, se non le pareti che tengono in piedi tutto quanto. Potrete perdere del tempo per scattare qualche foto qua e là. Scritte sui muri e murales, niente di più. Avete buttato i vostri soldi…Troppo presto per dirlo. La salita continua, tra rampe di scale buie e inospitali, con tanto di tromba dell’ascensore completamente orfana dell’ascensore stesso, molto pericoloso, fate attenzione. Raggiunto il primo punto di osservazione, potrete osservare un panorama magnifico, che vi permetterà di vedere tutta l’area circostante come non avete fatto prima. I colori, le luci e le ombre sono magnifiche e offrono qualcosa di unico nel suo genere, adatto a far esplodere le vostre Reflex.

La ciliegina sulla torta però è l’ultimo piano, sospesi a più di cento metri da terra, con un panorama ancora più spettacolare di quello precedente. E’ possibile vedere oltre la fine delle cose, oltre la fine della città e della foresta. A questo punto, non importa quanto e se Berlino vi abbia colpito, perché da quassù è bella come non mai, è bella come forse è sempre stata ma nessuno ha mai avuto il coraggio di dirlo a voce alta, solo perché l’oggettività gli dava torto. Ebbene si, non avete buttato via i vostri soldi, anzi, avete fatto un grande investimento in termini di esperienza. Esperienza unica, perché potrete andarci quante volte volete, ma come la prima volta non sarà mai.

 

Dimenticavo…Per tornare alla stazione della sbahn è lunga, e voi sarete molto stanchi. In bocca al lupo!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s